Ansia da like: ne vale davvero la pena?

Alice Tarantola 15 Novembre 2018

Ansia da like: ne vale davvero la pena?

Ci sono persone che misurano la loro bellezza sul numero di complimenti e apprezzamenti che ricevono e ci sono addetti al marketing e alla comunicazione che misurano il buon andamento di una strategia in base al numero di like di un post o di una pagina.
Ma questi tanto desiderati like sono davvero così indispensabili come si pensa?

 

Vuoi definire la tua strategia di comunicazione per il 2019? 
 Individuare i migliori strumenti e canali da utilizzare?
 Definire il budget da investire?
 Ti regaliamo una consulenza gratuita per capire insieme come impostare il miglior piano marketing per la tua azienda!


{{cta(‘e4d3c841-cd42-4c2d-958d-0a139a3d3d78’)}}

 

Scopriamo le “Vanity Metrics”

 

I Like, meglio conosciuti nel mondo del marketing e della comunicazione come “Vanity Metrics”, sono dati che dimostrano che intorno al tuo prodotto c’è un interesse da parte degli utenti, ma non hanno assolutamente un valore economico.
Diciamo che le “Vanity Metrics” sono utili solo nel momento in cui i like della tua pagina interagiscono attivamente con essa: avere tanti followers che però non sono realmente interessati al tuo prodotto è controproducente per la tua strategia di marketing.
Le “Vanity Metrics” hanno quindi una funzione importante in comunicazione nella fase di lancio di un prodotto sul mercato, per comprendere meglio il tasso di interesse da parte dei follower.

 

“Business Metrics”, di cosa si tratta?

 

Nella fase successiva, ovvero nella fase di business, occorre trasformarle in “Business Metrics” per ottenere un profitto dal punto di vista economico.
Le “Business Metrics” si possono analizzare controllando differenti dati.
Per cominciare bisogna verificare gli engagement ovvero il numero di utenti che interagiscono con il tuo sito o con la tua App.
Accertati poi di verificare il numero effettivo di utenti che partecipano attivamente alla tua pagina.
Un altro dato da tenere in considerazione è il tasso di conversione ovvero il numero effettivo di utenti registrati che si trasformano in utenti attivi.
Infine si verificano ricavi e profitti, quindi il guadagno effettivo che hai raggiunto grazie alla tua startup

A seconda della tipologia della tua strategia di marketing avrai bisogno di dati differenti.
Per poter utilizzare correttamente i dati a noi forniti è necessario prefissarsi degli obiettivi e tenerli monitorati durante le tue campagne per avere la certezza che la tua strategia stia funzionando.
Nei prossimi articoli parleremo di kpi e roi per comprendere meglio insieme quali dati sono più interessanti per regolare la tua strategia.

Se hai dubbi sull’argomento o vorresti approfondire uno dei punti affrontati precedentemente lasciaci un commento!

Se invece pensi di avere bisogno di una consulenza, contattaci!

Sei interessato ad approfondire l’argomento? Ecco alcuni articoli che potresti trovare interessanti:

Le 10 domande più frequenti su Facebook

Come rendere i tuoi post più accattivanti

 

Vuoi ricevere notizie, consigli e informazioni sul marketing e la comunicazione?

Iscriviti Subito!

{{cta(’37d4e500-5bae-4073-a565-35dc9eb03be1′)}}

 

Articoli Recenti

Chiara Ferragni agli Uffizi: boom di visitatori

Pubblicità in radio nel 2020: si o no?

Credito d'Imposta Investimenti Pubblicitari: 50% dell'intero valore

6 Serie Tv da Non Perdere

Buy Buy Birds: un nuovo e-commerce in città

Twitch voce del verbo streammare

Libreria Inserzioni Facebook: trasparenza a portata di click

Hit Estive: siamo davvero pronti ad una nuova Despacito?

Logo EB Animazione