Emozioni: vendono davvero o sono semplice intrattenimento?

Alice Tarantola 7 Novembre 2018

Emozioni: vendono davvero o sono semplice intrattenimento?

Tutti noi generalmente detestiamo la pubblicità troppo aggressiva, dove i venditori risultano avere spesso atteggiamenti eccessivi e poco graditi dal pubblico.
Ma cosa ne pensate invece delle pubblicità emotive?
Non sto parlando delle classiche pubblicità natalizie in stile “A Natale siamo tutti più buoni”; sto parlando di quelle pubblicità in grado di arrivare al cuore delle persone e farle sentire parte integrante della storia.

Vuoi definire la tua strategia di comunicazione per il 2019? 
 Individuare i migliori strumenti e canali da utilizzare?
 Definire il budget da investire?
 Ti regaliamo una consulenza gratuita per capire insieme come impostare il miglior piano marketing per la tua azienda!


{{cta(‘e4d3c841-cd42-4c2d-958d-0a139a3d3d78’)}}

 

Soprattutto sui social, capita spesso di imbatterci in pubblicità emozionali che ci fanno ragionare molto su noi stessi, sulle nostre abitudini, sulla nostra famiglia.
Dato che sempre più persone stanno diventando immuni dai tiri di vendita, queste pubblicità potrebbero diventare la nuova frontiera della pubblicità?
Questi spot sono davvero così utili alla vendita o sono solo un semplice intrattenimento del pubblico?

 

 

Le emozioni vendono! Lo dice la scienza

 

Gli psicologi hanno scoperto che effettivamente le emozioni vendono.
Negli ultimi anni i compratori non fanno i loro acquisti in base alle loro esigenze ma esclusivamente per motivi emotivi.
Quello che risulta più strano, però, è il fatto che la maggior parte del nostro marketing è costruito con messaggi basati sui vantaggi e sulle funzionalità, come se fosse necessario un logico passo di vendita per convincere e convertire il nostro pubblico.
Insomma, la storia non c’è!
Diciamoci la verità: il nostro possibile pubblico è sempre così impegnato da non avere ne tempo ne voglia di seguire una noiosissima presentazione di un prodotto, dove vendono elegante le funzionalità una dopo l’altra.
Il trucco è quindi inserire sempre un tocco di emozione per spingere così i nostri clienti ad interessarsi al nostro messaggio e portarli così ad effettuare in seguito l’acquisto.
Creare un annuncio pubblicitario emozionale risulta sicuramente più semplice se il tuo marchio è stato creato con un messaggio emotivo.
Ovviamente è comunque possibile lanciare un messaggio emozionale e raccontare una storia che coinvolga le persone anche se il tuo marchio non possiede queste caratteristiche.
Una pubblicità che crea emozioni nelle persone, avrà una buona visibilità e molte più possibilità di diventare virale.

 

 

Attenzione al prodotto

 

Bisogna ricordarsi che il punto fondamentale del marketing è ottenere risultati e vendere!
Spesso capita che le grandi aziende scordano questo dettaglio, realizzando annunci divertenti, con trame super studiate per emozionare il pubblico, focalizzando tutto sulla storia e non sul prodotto.
Facendo questo, gli utenti parleranno molto della pubblicità ma, nella maggior parte dei casi, non ricorderanno minimamente il prodotto sponsorizzato.
Quindi è sicuramente importante realizzare dei contenuti interessanti che andranno ad aumentare l’audience ma non scordiamoci del vero scopo del nostro annuncio.

Amore, sorpresa, paura, incertezza, gioia.Qualsiasi sia l’emozione che utilizzerai nel tuo prossimo annuncio pubblicitario, ricordati di inserire il tuo prodotto in modo armonioso.

Se hai dubbi sull’argomento o vorresti approfondire uno dei punti affrontati precedentemente lasciaci un commento!

Se invece pensi di avere bisogno di una consulenza, contattaci!

 

Vuoi ricevere notizie, consigli e informazioni sul marketing e la comunicazione?

Iscriviti Subito!

{{cta(’37d4e500-5bae-4073-a565-35dc9eb03be1′)}}

 

Articoli Recenti

Buy Buy Birds: un nuovo e-commerce in città

Twitch voce del verbo streammare

Libreria Inserzioni Facebook: trasparenza a portata di click

Hit Estive: siamo davvero pronti ad una nuova Despacito?

Facebook Ads: 5 motivi per cui sono una scelta vincente

WWDC 2020: La prima presentazione Apple senza "uuhhh"

Storytelling: quando raccontare una storia diventa comunicare

Wired Next Fest 2020: 4 mesi di innovazione online

Logo EB Animazione