Facebook: un sistema di traduzione utilizzando l’intelligenza artificiale

Alice Tarantola 30 Novembre 2018

Facebook: un sistema di traduzione utilizzando l’intelligenza artificiale

Facebook è una potenza mondiale che al momento conta circa 1.9 miliardi di utenti da ogni parte del mondo.
Diverse culture, diversi modi di dire, diverse lingue, un unico social.
Facebook supporta la traduzione di oltre 45 lingue diverse (visibili con il click “Vedi traduzione”) permettendoti così di tradurre quasi in tempo reale commenti provenienti da ogni parte del mondo aumentando la connettività e l’informazione.
Il Social Network per eccellenza ha sempre avuto il pallino delle traduzioni automatiche per rendere più piacevole la navigazione dell’utente e abbattere le barriere linguistiche.

Vuoi definire la tua strategia di comunicazione per il 2019? 
 Individuare i migliori strumenti e canali da utilizzare?
 Definire il budget da investire?
 Ti regaliamo una consulenza gratuita per capire insieme come impostare il miglior piano marketing per la tua azienda!


{{cta(‘e4d3c841-cd42-4c2d-958d-0a139a3d3d78’)}}

 

Per raggiungere questo obiettivo, Facebook sta lavorando ad un nuovo sistema di traduzione automatica che la società afferma essere nove volte più veloce rispetto ai sistemi rivali.
Gli ingegneri della divisone intelligenza artificiale di Facebook, Michael Auli e David Grangier, hanno detto che ci vorrà ancora del tempo per mettere a disposizione di tutti questo sistema in modo efficiente.

 

Tradizionalmente per tradurre vengono utilizzate le reti neurali ricorrenti (RNN) che traducono le frasi parola per parola in ordine lineare.
Questo a volte ci restituisce una frase di senso logico ma non grammaticalmente o linguisticamente corretta.
Il nuovo sistema di traduzione automatica mette in evidenza invece l’uso di reti neurali convolutive (CNN) che dovrebbe consentire traduzioni più accurate e veloci.
Le CNN non sono una novità tecnologica; la cosa che stupisce è che non sono mai state effettivamente applicate alle traduzioni automatiche.
La maggiore velocità deriva dal fatto che questa nuova architettura richiede meno risorse rendendo i processi di traduzione più immediati.
Essendo un software open source, una volta applicato al web, le traduzioni diventerebbero globalmente efficienti eliminando alcune delle barriere che limitano il dialogo tra persone di diversi paesi.

 

Vuoi ricevere notizie, consigli e informazioni sul marketing e la comunicazione?

Iscriviti Subito!

{{cta(’37d4e500-5bae-4073-a565-35dc9eb03be1′)}}

 

 

Articoli Recenti

Buy Buy Birds: un nuovo e-commerce in città

Twitch voce del verbo streammare

Libreria Inserzioni Facebook: trasparenza a portata di click

Hit Estive: siamo davvero pronti ad una nuova Despacito?

Facebook Ads: 5 motivi per cui sono una scelta vincente

WWDC 2020: La prima presentazione Apple senza "uuhhh"

Storytelling: quando raccontare una storia diventa comunicare

Wired Next Fest 2020: 4 mesi di innovazione online

Logo EB Animazione