VKontakte: il Facebook russo

Alice Tarantola 30 Novembre 2018

VKontakte: il Facebook russo

Hai mai sentito parlare di VKontakte?
Recentemente abbreviato in VK, VKontakte è il portale social più popolare in Russia e in tutta la CSI.
Conosciuto come il Facebook russo per la sua somiglianza grafica, la sua creazione risale al 2006 per mano del programmatore di origini russe Pavel Durov.A Gennaio 2017, VKontakte ha contato circa 410 millioni di account.
Secondo SimilarWeb, VK è al quinto posto dei siti più popolari ed utilizzati al mondo.
Dal 12 aprile 2017, VK è diventato disponibile in oltre 70 lingue.

Insomma sul mercato russo VK è il principale competitor di FB e le aziende non possono non considerarlo per le proprie strategie di social media marketing.

 

Vuoi definire la tua strategia di comunicazione per il 2019? 
 Individuare i migliori strumenti e canali da utilizzare?
 Definire il budget da investire?
 Ti regaliamo una consulenza gratuita per capire insieme come impostare il miglior piano marketing per la tua azienda!


{{cta(‘e4d3c841-cd42-4c2d-958d-0a139a3d3d78’)}}

 

La sua storia

Esattamente come Facebook, VKontakte in origine era stato creato come semplice portale per agevolare le comunicazioni tra gli studenti russi sul web.
In seguito si è deciso di ampliare il pubblico e far accedere tutte le fasce di età in Russia e nella CSI.
Poco dopo la sua creazione, VKontakte ha creato molto interesse da parte di alcuni investitori che avevano compreso le capacità di questo Social che, nel giro di pochi anni, è diventato il secondo servizio di rete sociale per diffusione in Russia.
Sin dalla sua creazione questo social ha avuto a che fare con molteplici episodi di hackeraggio, tutti superati con successo.
Nel 2014 il fondatore e amministratore delegato Pavel Durov decide di dare le proprie dimissioni in seguito ad alcune ingerenze politiche da parte di collaboratori vicini a Vladimir Putin.
In seguito alle sue dimissioni, Igor Sechin, già amministratore delegato della società petrolifera Rosneft, e Alisher Usmanov, proprietario di Mail.Ru.

 

Alcune curiosità d’utilizzo

Come abbiamo detto in precedenza, VKontakte è molto simile a Facebook sia dal punto di vista grafico sia dal punto di vista funzionale.
Ci sono però alcune caratteristiche che lo differenziano dal social statunitense di Zuckerberg:
Mi Piace: il tasto “Mi Piace” di VK, pur essendo graficamente molto simile a Facebook, ha una funzionalità completamente differente. Questo pulsante serve infatti non per mostrare il nostro apprezzamento nei confronti di qualcosa bensì per salvare i contenuti che ci interessano in una sezione privata dei Favoriti.
Messaggistica: è possibile scambiare messaggi sia con privati sia con gruppi fino a 50 persone. Inoltre è possibile aggiungere alla lista contatti anche indirizzi di posta elettronica di persone con iscritte a VK.
Scaricare musica, video e foto: la rilevante quantità del tempo di permanenza su questo social è spiegata dal fatto che VK ha un approccio molto permissivo nei confronti del diritto d’autore. Su VK, infatti, è possibile ascoltare musica e guardare film gratuitamente.

 

Se hai dubbi o vorresti approfondire uno dei punti affrontati precedentemente lasciaci un commento!

Vorresti avere un nostro parere? Contattaci per una consulenza.

 

Sei interessato ad approfondire l’argomento? Ecco alcuni articoli che potresti trovare interessanti:

Vero: La Nuova Frontiera Dei Social?

Spark, Il Nuovo Social Network Di Amazon

5 Errori Imperdonabili Da Non Commettere Sui Social

Scopri Il Social Che Fa Per Te

 

 

Vuoi ricevere notizie, consigli e informazioni sul marketing e la comunicazione?

Iscriviti Subito!

{{cta(’37d4e500-5bae-4073-a565-35dc9eb03be1′)}}

Articoli Recenti

Impressions: la pericolosa app per creare deepfake credibili

Eventi digitali: inizia la trasformazione

Un nuovo inizio. Un passo alla volta.

“La Lombardia è pronta”: l’ennesimo tentativo di nascondere i propri errori

Pokémon GO si modifica per rispettare la quarantena

Call of Duty Mobile in vetta alle classifiche dei giochi più utilizzati

Facebook lancia Messenger Rooms per le videochiamate di gruppo

Le ricerche Google più strane e divertenti durante il Coronavirus

Logo EB Animazione