Logo EB Animazione

Xiaomi inventa la mascherina smart

Pamela Naomi Pederzani 4 Maggio 2020

Xiaomi inventa la mascherina smart

Nonostante l’emergenza sanitaria nel nostro Paese sia tutt’altro che conclusa, gli italiani cominciano a pensare alla cosiddetta Fase 2, che consentirà un prudente ritorno alla nostra vita “normale”. Tuttavia, ciò che non cambierà da questi primi mesi di pandemia, saranno le misure di distanziamento sociale e le altre restrizioni volte a diminuire il rischio di contagio. L’utilizzo della mascherina sarà fortemente consigliato ogni qual volta si debba uscire di casa. A questo proposito, nell’ultimo periodo, sono emerse, data la forte richiesta, alcune mancanze rispetto alle risorse nel nostro Paese di questi oggetti di protezione.

LA TECNOLOGIA CI VIENE IN AIUTO: MASCHERINA SMART XIAOMI

Xiaomi è un’azienda innovativa che da anni introduce sul mercato prodotti con tecnologie interessanti. Creata da Lei Jun, l’azienda cinese si è affermata a livello globale grazie ad una serie di dispositivi con un ottimo rapporto qualità-prezzo. In questo momento storico in cui l’utilizzo di mascherine si sta intensificando sempre di più, il nome Xiaomi emerge ancora una volta per la sua vena innovativa. L’ultima invenzione tecnologica è, infatti, una mascherina smart, che si ricarica tramite USB e permette di purificare l’aria con un’efficienza del 97%. Questo è un dato che la equipara alle mascherine FFP in commercio nel nostro Paese, con il vantaggio, però, di essere riutilizzabile. È infatti sufficiente frapporre un filtro di ricambio per poterla utilizzare più volte.

COME FUNZIONA LA MASCHERINA TECH

L’azienda vendeva già una maschera per il viso in Cina chiamata Mi AirPOP PM2.5 in Cina, e ora ne ha sviluppato una versione più avanzata che viene comunemente chiamata Smart Mask. 

Il prodotto si chiama Xiaomi Youpin Q5S, ed è già disponibile per l’acquisto.

È stato sviluppato con un sistema di filtrazione progressivo e funziona a due velocità per proteggere l’utente da germi, polvere, polline, fumi, peli di animali e anche gas e particelle inquinanti, per una durata di 6 ore. A differenza delle mascherine tradizionali, è, ovviamente, un oggetto più ingombrante, costituito da una parte frontale in plastica, con dettagli in silicone all’interno. La maschera si adatta al contorno del viso, per garantire la massima protezione a chi la indossa. Resta distanziata dalla bocca, per non risultare opprimente nella respirazione. In questo modo, garantisce l’aderenza al volto, in particolare a naso e mento, senza creare particolari fastidi. Grazie a tutte queste caratteristiche, la mascherina garantisce un’ottima efficacia contro le polveri PM 2.5, proteggendo dal particolato atmosferico e da tutti gli agenti esterni che rientrano in tali dimensioni. Il costo è di circa 30 euro.

QUANDO UTILIZZARLA

Ovviamente, questa mascherina, non essendo un presidio medico, non va utilizzata nel caso di contatti prolungati con pazienti infetti, ma solamente come soluzione di auto-protezione per le uscite giornaliere, per ridurre il rischio di contagi. L’unità ricaricabile garantisce un funzionamento di almeno 4-6 ore, dopo di che sarà sufficiente ricaricarla attraverso un cavetto USB in dotazione. La ventola al suo interno, regolabile a tre diverse velocità, permette di sfruttare a pieno regime il filtro, garantendo un ottimo livello di respirazione. Inoltre, all’interno, è presente un secondo strato di tessuto non tessuto antiallergico e antibatterico, mentre all’esterno la maschera è realizzata in tessuto cucito a mano, per una maggior piacevolezza estetica.

Abbiamo visto in altri articoli come le aziende tecnologiche hanno risposto alla pandemia in vari modi, tra cui la donazione di attrezzature o l’adattamento di campagne pubblicitarie e spot per promuovere il distanziamento sociale. Mentre altri hanno reso gratuiti servizi che avevano sempre reso disponibili a pagamento, Xiaomi, colosso asiatico, ha voluto in qualche modo alleggerire il problema della mancanza di mascherine chirurgiche. Anche questa volta, la tecnologia, utilizzata al massimo delle sue funzionalità, ci è di grande aiuto.

Articoli Recenti

Chiara Ferragni agli Uffizi: boom di visitatori

Pubblicità in radio nel 2020: si o no?

Credito d'Imposta Investimenti Pubblicitari: 50% dell'intero valore

6 Serie Tv da Non Perdere

Buy Buy Birds: un nuovo e-commerce in città

Twitch voce del verbo streammare

Libreria Inserzioni Facebook: trasparenza a portata di click

Hit Estive: siamo davvero pronti ad una nuova Despacito?